Ravenna se lo tiene

Ravena la se ten Ravenna se lo tiene
Durent i timp ad Dante spustes l'era fadiga, Durante i tempi di Dante spostarsi era fatica,
al strede agl'era poche, an stag a dì i punt, le strade erano poche, non sto a dire i ponti,
ic fa veda che i sgnur jandeva enchè in letiga, ci fanno vedere che i ricchi andavano anche in lettiga,
e sarà vera senz'elt, ic e dis quest tint racunt. sarà vero senz'altro, ce lo dicono questo tanti racconti.
E modi più svelt l'era a caval o s'una biga, Il modo più svelto (veloce) era a cavallo o con una biga,
us vidiva Luna e Stele mo gnint oltre jurizunt, si vedevano Luna e Stelle ma niente oltre gli orizzonti,
Dante l'è scap via che a Firenze un steva in riga, Dante è scappato via da Firenze lì non stava in riga,
l'è arvat in Rumagna alora pasand vale e munt. è arrivato allora in Romagna passando valli e monti.
Per la vala de Marecia isè l'ha selve la cutena Per la valle del Marecchia così ha salvato la pelle
fugend, us è ferme a San Leo, Vrucc, San Maren, fuggendo, si è fermato a San Leo, Verucchio, San Marino,
a pens, e vleva arvì a Remne prima ad Ravena penso, voleva arrivare a Rimini prima di Ravenna
fors mo a pid us era strac, e vleva ciapè e tren forse, ma a piedi si era stancato, voleva prendere il treno
c'un gnera ancora, ujè arvat a lasej ose e pena che non c'era ancora, c'è arrivato a lasciargli ossa e penna
listes, d'alora Ilè e riposa e Ravena stret lal ten. lo stesso, da allora lì riposa e Ravenna stretto se lo tiene.

Mario Tonini (Riccione)